Diritto del lavoro

Riservatezza Specializzazione Professionalità Trasparenza

Diritto del lavoro

Lo studio si occupa ed assiste i lavoratori e/o le aziende nello svolgimento del rapporto di lavoro, subordinato, parasubordinato, di agenzia, con particolare riferimento alle questioni di demansionamento, mobbing, licenziamento, adeguamenti retributivi, recupero retribuzioni e compensi, con possibilità per i non abbienti di ricorrere al gratuito patrocinio a spese dello Stato.

lo Studio Legale Tosoni hai un rapporto diretto e non filtrato con il Professionista, che sarà il tuo unico referente: comunicazioni più veloci e meno stress per te.

Qui di seguito trovi alcuni dei casi per cui rivolgerti allo Studio Legale Tosoni, per altre esigenze, non esitare a contattarci:

  • procedimenti disciplinari e impugnazione di sanzioni
  • malattie, infortuni sul lavoro e risarcimento del danno patrimoniale
  • licenziamenti individuali e impugnazione
  • rivendicazione qualifiche superiori e differenze retributive
  • discriminazione e mobbing
  • orario di lavoro
  • mutamento di mansioni
  • trasferimento illegittimo
  • tutela della donna e rapporti di lavoro
  • diritto sindacale e interpretazione dei contratti collettivi
  • rapporti con gli enti previdenziali
  • redazione contratti di lavoro
  • lavoro a termine, lavoro a progetto, part-time
  • patti di non concorrenza

Richiesta Informazioni



Latest News

Articles and Press

Ultime Notizie

Articoli e Giornali

Dirittto Penale
Messaggi privati in chat: è da escludere la diffamazione

Secondo la Corte di Appello di Milano la comunicazione fatta ad un singolo o ad un gruppo ristretto di persone è corrispondenza privata (sentenza n. 984/2021)

Dirittto Penale
Ostia consacrata gettata a terra e calpestata, lo stato confusionale non esclude la condanna

L’essere preda di uno stato confusionale non rende meno grave l’oltraggioso comportamento tenuto durante una messa e consistito nel prendere un’ostia consacrata, gettarla a terra, calpestarla e sputarci sopra. Confermata perciò la condanna per un detenuto, sanzionato con due mesi di reclusione per avere offeso la religione cattolica durante una funzione religiosa celebrata in carcere…

Dirittto Penale
Nessuna aggravante per l’imputato che cede cocaina ad una minorenne

La Corte di Cassazione accoglie il ricorso di un imputato, colpevole di aver ceduto cocaina ad una minorenne. Per la Corte d’Appello le fattezze fisiche della giovane erano tali da dover suscitare nell’imputato il ragionevole dubbio circa la sua età anagrafica ed indurlo ad accertarsene con cautela. Deduzione non sostenuta da alcuna legge statistica di…